Lombardia: sostegno per l'accesso alla professione Stampa
Istituzioni

Mancanza di autisti nell'autotrasporto: la Regione Lombardia vara il piano "Formare per Assumere" con l'obiettivo di incentivare le assunzioni di autisti nel settore.

cabina-camion

Per sopperire alla carenza di autisti, un problema sempre più diffuso in tutta Europa, la Regione Lombardia ha varato il piano "Formare per Assumere" che prevede aiuti economici sia per i lavoratori che decidono di conseguire la patente CQC, sia per le aziende che li assumeranno.

 

I datori di lavoro possono quindi presentare la domanda per il riconoscimento di un contributo fino a un massimo di 8 mila euro per l'assunzione di persone senza impiego da almeno 30 giorni, per le quali è previsto un percorso formativo per l'ingresso in azienda. Per la formazione di ciascun lavoratore assunto è, inoltre, riconosciuti un voucher fino a un massimo di 3 mila euro.

 

Il bando è già attivo e le imprese lombarde possono inoltrare le domande per ricevere i voucher e i bonus previsti. Le risorse inizialmente previste dalla Regione ammontano a 5 milioni di euro, possono essere implementate in un secondo momento.

 

In questo modo la Lombardia si pone l'ambizioso compito di contribuire, da un lato, alle assunzioni di lavoratori e , dall'altro, a risolvere il problema della mancanza degli autisti di mezzi pesanti.

 

Come accedere al bando

Le domande devono essere presentate sul sito bandi.regione.lombardia.it. Per poter ricevere il contributo, l'azienda deve aver già assunto il lavoratore e provvedere alla sua formazione, che può avvenire sia prima che dopo l'assunzione.

 

Nella misura sono previsti due voucher:

  • per la formazione, del valore massimo di 3 mila euro, valido per il pagamento dei corsi di formazione;
  • di selezione, del valore massimo di 500 euro, valido in caso vengano impiegati servizi esterni di ricerca e selezione del personale erogati da soggetti accreditati e riconosciuti dalla Regione.

 

Il corso di formazione deve essere svolto da un operatore riconosciuto dalla Regione, da un'università o da una fondazione ITS con sede in Lombardia.

 

Infine, è previsto un bonus occupazione, del valore massimo di 8mila euro, che varia a seconda dell'età del lavoratore assunto e formato:

  • lavoratori fino a 54 anni --> 4.000 euro
  • lavoratrici fino a 54 anni --> 6.000 euro
  • lavoratori over 55 --> 6.000 euro
  • lavoratori over 55 --> 8.000 euro

 

Alle imprese con meno di 50 dipendenti viene riconosciuto un ulteriore somma di 1.000 euro.

 

I contratti di lavoro subordinato validi per il riconoscimento dell'incentivo devono essere:
- a tempo indeterminato o a tempo determinato di almeno 12 mesi e in apprendistato;
- a tempo pieno o a tempo parziale di almeno 20 ore settimanali medie.

 

Sono esclusi dal contributo i contratti di lavoro subordinato di tipo domestico, di somministrazione o di lavoro intermittente.

 

Nonostante la finestra per l'invio delle domande sia stata aperta il 26 luglio 2021, sono considerati validi ai fini del riconoscimento dell'incentivo i contratti di lavoro a partire dal giorno8 luglio 2021.

© TN Trasportonotizie - Riproduzione riservata

Facebook TNTwitter TN

 

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Chiudendo questo banner acconsenti all’'uso dei cookie. Se vuoi avere ulteriori informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy.

Accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information