Contenuto Principale
Ultime Notizie

Ricerca nel sito

Nel 2012 risparmiati 221,6 milioni di euro con le gomme rigenerate PDF Stampa E-mail
Tecnologia
2013
17
Dicembre

Nell'era della green economy l'innovazione va di pari passo con il risparmio e l'ecosostenibilità, i rifiuti possono essere riciclati e diventare un vero business dal quale trarre numerosi vantaggi. Secondo le stime dell'Airp (Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici) il bilancio è nettamente positivo con 221,6 milioni di euro risparmiati dagli utilizzatori finali.

 

pneumatico rigeneratoIl beneficio economico è a vantaggio delle aziende di autotrasporto merci che hanno adottato questa politica ecologica utilizzando pneumatici ricostruiti per i trucks e i bus inferiori in termini di costo rispetto ad una gomma ex novo.
Quattro volte il giro della terra all'equatore, è questa la lunghezza dei 227 milioni di pneumatici che vengono generati ogni anno all'interno dell'Unione Europea.

Riportare in vita le vecchie gomme consente anche di produrre meno pneumatici fuori uso e nel 2012 si è arrivati a 25735 tonnellate in meno, 23574 tonnellate di materie prime risparmiate con una riduzione del consumo energetico di 82,5 milioni di litri di petroli. Benefici anche per l'ecosistema, 31291 tonnellate di CO2 risparmiate per produrre nuovi pneumatici, un risparmio del 30% di emissioni di anidride carbonica per ogni copertone rigenerato.

 IL PROCESSO DI RINNOVAMENTO

Il pneumatico rinnovato è un pneumatico al quale è stato sotituito il battistrada usurato con uno nuovo e perfettamente equivalente all'originale, due sono le caratteristiche necessarie per effettuare una corretta rigenerazione dei copertoni: carcassa di qualità e corretta manutenzione.
Il processo di rigenerazione è disciplinato da due regolamenti: ECE ONU 108 per le vetture e ECE ONU 109 per gli autocarri, prevede una prima "visita" di accertamento per l'idoneità per poi essere lavorato e riparato con l'aggiunta di uno strato di gomma liquida per proseguire la lavorazione a caldo e a freddo, infiene il controllo qualità per poi essere rifinito e provato su strada.

© TN - TRASPORTONOTIZIE  Riproduzione riservata

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Chiudendo questo banner acconsenti all’'uso dei cookie. Se vuoi avere ulteriori informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy.

Accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information