Contenuto Principale
LA VOCE DELL'AUTOTRASPORTATORE 
protesta
TN - TRASPORTONOTIZIE darà la parola a chi vive ogni giorno sulla propria pelle le problematiche del settore trasporto merci. 
Daremo meritato spazio a te autotrasportatore, con l'auspicio di destare l'interesse delle istituzioni. Compila gli spazi sottostanti se vuoi dire la tua! Rompi il meccanismo, fai sentire la tua voce!



 

Ricerca nel sito

Banner assotrasporti

Mi chiamo Damiano Carlomusto e sono titolare del Gruppo Team, costituito dalla Team Società Cooperativa, la Truck Service e la Team Trasporti e Logistica Srl.

Ci occupiamo di trasporti di tutti i generi, dal deposito alla logistica, principalmente in Italia, ma anche all’estero se serve. Nel gruppo lavorano 70 autisti su furgoni, motrici e bilici. Le difficoltà che affrontiamo nel nostro lavoro sono sempre le solite: il prezzo del carburante che arriva alle stelle, gli aumenti delle tariffe autostradali nonostante la bassa qualità del servizio offerto, la concorrenza sleale che penalizza i lavoratori onesti.

A mio avviso, su 100 trasportatori, solo 20 riescono a viaggiare a tariffe tra 1,30 – 1,50 euro, mentre i restanti 80 viaggiano sotto l’euro, rovinando il mercato a tutte le imprese. Quando si ha a che fare con clienti che guardano solo il prezzo finale, diventa difficile far quadrare i conti, lavorare onestamente e rimanere comunque attivi sul mercato. Se solo ci fossero più controlli da parte dello Stato, si impedirebbe a gran parte di queste aziende di giocare al ribasso. Ci vorrebbe più impegno da parte delle Autorità, più controlli e più misure in favore dell’autotrasporto.

La pubblicazione delle tariffe di riferimento riproposta dal Ministero non è sufficiente, le aziende sono libere di non rispettarle e operare sottocosto. In Italia il trasporto delle merci avviene principalmente su gomma, eppure non abbiamo la forza contrattuale che dovremmo avere. Se non saremo noi autotrasportatori, o meglio ancora il Ministro in persona, a ordinare uno sciopero generale della categoria, non avremo mai la possibilità di far capire ai committenti che sotto una certa cifra non è legalmente possibile operare.

Nonostante l’emergenza sanitaria, noi del Gruppo Team abbiamo potuto continuare a lavorare, ma a condizioni sfavorevoli. I camion non si sono mai fermati, i controlli però sono diminuiti, e questo ha aperto la strada ad autotrasportatori improvvisati che hanno impiegano i propri mezzi sottocosto per qualche mese, per poi tornare al lavoro precedente, senza rendersi conto delle difficoltà che hanno creato agli imprenditori che operano nel settore da anni.

Le uniche soluzioni che vedo possibili per migliorare la situazione sono il ritorno all’imposizione dei costi minimi e l’accertamento fiscale a tutte le aziende di trasporto, compresa la mia chiaramente, che possa giustificare i prezzi offerti alla committenza. Le autorità avranno così la possibilità di individuare chi opera sottocosto.

Noi, come categoria, abbiamo bisogno che al Ministero ci sia una persona davvero competente in materia: il trasportatore è chi guida il camion, non chi lo vede passare in autostrada.
Purtroppo in Italia non siamo tutelati a dovere, nonostante la pandemia, gli applausi e i ringraziamenti, continuiamo ad essere l’ultima ruota del carro.

© TN Trasportonotizie - Riproduzione riservata

Facebook TNTwitter TN

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ricerca / Colonna destra

iscriviti-newsletter

DIVIETI DI CIRCOLAZIONE

Divieto circolazione  

SFOGLIA IL TN

 
TN 2-2022-copertina
                       TN

Iniziativa "Salva Vite"

 
Salva Vite Assotrasporti
                       TN

Mascherine filtranti

 
Mascherine Assotrasporti
                       TN

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Chiudendo questo banner acconsenti all’'uso dei cookie. Se vuoi avere ulteriori informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy.

Accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information