Contenuto Principale
Ultime Notizie

Ricerca nel sito

Stabilità 2016, le novità per l’autotrasporto PDF Stampa E-mail
Normativa
2015
23
Dicembre

 Ecco in sintesi le maggiori novità per la categoria, introdotte dalla Legge di Stabilità 2016.

legge di stabilitaÈ entrata in vigore ieri pomeriggio la Legge di Stabilità 2016, che dopo il voto favorevole della Camera ha incassato il sì definitivo del Senato.

Il testo prevede importanti novità nell’ambito dell’autotrasporto, di seguito riassunte.

Rimborso delle accise sul gasolio

La nuova normativa esclude dal credito di imposta relativo alle accise per il gasolio per autotrazione i veicoli di categoria Euro 2 o inferiore, a decorrere dal 1° gennaio 2016.

La Legge di Stabilità 2015 aveva già estromesso dall’agevolazione i veicoli Euro 0.

I conseguenti risparmi per le casse dello Stato saranno destinati a due finalità:

a) il 15% per favorire l’acquisto di mezzi di ultima generazione per l’autotrasporto merci su strada;

b) l’85% al nuovo Fondo per l’acquisto di automezzi per il trasporto pubblico locale e regionale.

Decontribuzione previdenziale

La Legge di Stabilità prevede che venga riconosciuto un esonero dell’80% della contribuzione previdenziale (ad eccezione dei premi Inail) a carico dei datori di lavoro per i conducenti di veicoli pesanti dotati di tachigrafo digitale e prestanti attività di trasporto internazionale per almeno 100 giorni annui.

Per ottenere questa agevolazione, prevista a titolo sperimentale e per un periodo di tre anni, è necessario presentare domanda. L’ente previdenziale riconoscerà il beneficio in base all’ordine di ricezione delle domande.

È autorizzata una spesa di 65,5 milioni di euro annui per il triennio 2016-2018.

Spese non documentate

La nuova Legge di Stabilità introduce una riduzione delle deduzioni forfettarie relative alle spese non documentate riconosciute ai piccoli autotrasportatori.

Le deduzioni spetteranno nella misura del 35% ai trasporti effettuati dal trasportatore all’interno del Comune in cui ha sede l’impresa e nella restante misura ai trasporti effettuati oltre il territorio comunale. Dunque, viene meno l’attuale distinzione fra trasporti regionali ed extra regionali.

Sistri

Dopo il passo indietro del Governo, che ha portato al ritiro dell’emendamento per la proroga di dodici mesi della gestione del Sistri a Selex SpA (ve ne abbiamo parlato QUI), silenzio assordante nel testo di Legge per quanto riguarda il sistema di tracciabilità telematica dei rifiuti.

Nella manovra, infatti, non è presente l’auspicata proroga relativa all’entrata in vigore delle sanzioni Sistri, che saranno dunque valide a partire dal 1° gennaio 2016.

Piccole e medie imprese

La Legge di Stabilità stabilisce un’autorizzazione di spesa pari a 10 milioni di euro per il 2016 per consentire l’operatività di una Sezione speciale Trasporto, istituita nell’ambito del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese.

Prova documentale nei trasporti internazionali

La manovra reintroduce l’obbligo di esibire la prova documentale con riferimento alle attività di trasporto internazionale di merci, ossia di un qualunque documento di accompagnamento delle merci previsto dalla normativa interna o internazionale (di norma la lettera di vettura internazionale).

Sono previste sanzioni amministrative ed il fermo del mezzo nel caso in cui tale prova documentale non venga esibita.

Si prevedono sanzioni più severe nel caso in cui la prova documentale non sia compilata correttamente o risulti del tutto mancante e nel caso in cui non sia possibile, a seguito della mancanza di tale documentazione, accertare la regolarità del trasporto internazionale di merce.

Bonus per il trasporto combinato

Il Governo ha stanziato per il 2016 45,4 milioni di euro di contributi per l’attuazione di progetti di miglioramento della catena intermodale e viaria collegati alla realizzazione di nuovi servizi marittimi per il trasporto combinato delle merci.

L’investimento intende migliorare i servizi sulle rotte esistenti con porti situati nell’UE o nello Spazio economico europeo. Per gli anni 2017 e 2018 i contributi saranno rispettivamente di 44,1 e 48,9 milioni di euro.

La nuova Legge, inoltre, autorizza la spesa di 20 milioni per ciascuno degli anni 2016-2018 affinché il Ministero dei trasporti possa concedere contributi per i servizi di trasporto ferroviario intermodale in arrivo e/o in partenza dai nodi logistici e portuali.

Si prevede anche che agli stessi fini possa essere destinata una quota delle risorse stanziate dalla Legge di Stabilità 2015 per l’autotrasporto (si tratta di 250 milioni di euro annui, a decorrere dal 2015 per interventi in favore dell’autotrasporto).

Trasporto merci gomma-ferro

Degli oltre 29 milioni di euro stanziati, per il periodo 2013-2018, per la copertura degli oneri connessi al funzionamento dell’Autostrada Ferroviaria Alpina (AFA), attraverso il Tunnel del Frejus, 21 milioni verranno destinati nel 2016, 5,4 milioni nel 2017 e 2,6 milioni nel 2018.

L’AFA è un servizio di trasporto di autocarri su vagoni ferroviari speciali che viaggiano lungo un percorso di 175 chilometri tra l’Italia e la Francia, attraverso il traforo ferroviario del Frejus.

Il collegamento prevede 5 coppie di treni al giorno, per 5 giorni su 7, tra le piattaforme di Aiton (in Francia) e di Orbassano (in Piemonte). 

© TN Trasportonotizie - Riproduzione riservata 

Facebook TNTwitter TN

 

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Chiudendo questo banner acconsenti all’'uso dei cookie. Se vuoi avere ulteriori informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy.

Accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information